E’ Francois Salvagni il nuovo allenatore del Neruda Volley Bolzano

Sarà Francois Salvagni l’allenatore del Neruda Volley Bolzano nella stagione 2016/2017. Il 44enne tecnico bolognese è il prescelto per sedersi sulla panchina della squadra arancioblù nella sua seconda stagione nella massima serie. Salvagni torna così nella massima serie italiana dopo le esperienze con Urbino e Chieri, reduce da alcune stagioni all’estero fra l’Azerbaijan e la Romania dove alla guida del Csm Bucarest ha vinto la Challenge Cup lo scorso mese di aprile. «Siamo molto contenti dell’arrivo di Francois – aggiunge Rudy Favretto, presidente del Neruda Volley Bolzano – perché è un tecnico ancora giovane ma dotato di una grande esperienza nel volley nazionale ed internazionale, un allenatore che conosce molto bene il campionato di A1. Iniziamo a costruire la nuova squadra dalla definizione dello staff, nei prossimi giorni ci concentreremo invece sulle giocatrici». Dopo aver concluso l’acquisto del titolo sportivo di Modena il nuovo corso del Neruda Volley Bolzano prende il via con la definizione dell’arrivo del tecnico emiliano, mentre nei prossimi giorni sarà completato anche lo staff a disposizione del neo allenatore. Salvagni ha iniziato da giovanissimo la propria carriera di allenatore, tanto da arrivare a sedersi in panchina in A2 appena 22enne nella sua Bologna, prima come vice coach e quindi con il ruolo di primo tecnico. Una carriera che l’ha visto poi sedersi poi su panchine molto prestigiose, quali ad esempio quelle di Imola, Castelfidardo ed Urbino. Conquistando negli anni due vittorie di assoluto livello internazionale quali quella in Coppa Cev nel 2011 alla guida di Urbino e, come detto, della Challenge Cup di due mesi fa. Fino ad arrivare ad essere nominato anche, oltre due anni fa, commissario tecnico della nazionale algerina femminile. «Abbiamo scelto di puntare su un tecnico esperto, preparato, che conoscesse bene il panorama italiano – aggiunge Piero Babbi, direttore sportivo del Neruda – condivide appieno il nostro progetto e sono contento abbia accettato la nostra proposta. Aveva diverse possibilità, sia per restare a Bucarest sia per tornare in Italia, ma ha scelto Bolzano e sono sicuro darà un grande apporto a tutta la società ed a tutto l’ambiente».
LA SCHEDA DI FRANCOIS SALVAGNI
Nato a: Bologna
Il: 11 novembre 1971
Ruolo: primo allenatore
Carriera
1993/1994 Gipsy San Lazzaro – serie A2 – vice allenatore
1996/1997 Ferrara – serie B1 – vice allenatore
1997/1998 Granarolo Bologna – giovanili – allenatore
1998/1999 Faenza – serie B2 – allenatore
1999/2000 Famila Imola – serie A2 – vice allenatore
2000/2002 Famila Imola – serie A1 – vice allenatore
2002/2004 Famila Imola – serie A2 – allenatore
2004/2006 Marche Castelfidardo – serie A2 – allenatore
2006/2007 Santeramo – serie A1 – allenatore
2007/2008 Marche Castelfidardo – serie A2 – allenatore
2009/2012 Urbino Volley – serie A1 – allenatore
2012/2013 Chieri – serie A1 – allenatore
2015 Lokomotiv Baku – serie A azera – allenatore
2016 Bucarest – serie A rumena – allenatore
Riconoscimenti
Premio Luigi Razzoli quale miglior allenatore della serie A1 femminile nella stagione 2009/2010
Palmares
Coppa Cev 2011
Challenge Cup 2016
Nazionale
Dal gennaio 2014 è commissario tecnico della nazionale algerina femminile.
Francois Salvagni, nuovo allenatore del Neruda Volley Bolzano: come e quando è nata la possibilità di approdare in Alto Adige?
“Dopo aver finito una stagione scorsa molto positiva, sul piano tecnico ma anche su quello umano, stavo per rinnovare il mio contratto con Bucarest. Restare in Romania mi sembrava la scelta migliore, perché oltre ad aver vinto una Coppa storica, il primo trofeo europeo vinto da una squadra rumena, con la società e tutto l’ambiente mi trovavo benissimo. Poi però è successo che ho avuto l’occasione di parlare con il presidente Favretto ed il direttore sportivo Babbi, mi hanno illustrato quello che avevano in mente e mi sono entusiasmato subito. Abbiamo trovato una affinità di pensieri, di vedute e di motivazioni: in poche ore abbiamo così formalizzato il tutto, da un lato non è stato facile lasciare un posto dove mi sono trovato molto bene e che ringrazio molto, ma dall’altra dopo alcuni anni nei quali ho girato il mondo e fatto esperienze importanti la possibilità di tornare a lavorare in Italia mi esalta tantissimo”.
Il primo impatto con il Neruda Volley e con Bolzano com’è stato?
“Il Neruda mi ha dato subito un grande impressione di solidità e di serietà, vogliono fare le cose fatte per bene così come lo voglio io. In due occasioni ho già avuto poi occasioni di visitare Bolzano, la prima questo inverno – prima ancora che pensassi alla possibilità di venire ad allenare in Alto Adige – dove con tutta la famiglia ho visitato i tradizionali Mercatini di Natale fra Bolzano, Merano e San Candido e li ho trovati bellissimi, un’atmosfera unica. E poi in questi giorni, quando ho rivisto la città in estate ed è davvero un posto stupendo dove poter lavorare, ho potuto visitare le strutture, il palasport… si figuri che dicendo ad alcuni amici che venivo ad allenare a Bolzano tutti si sono offerti di venirmi a trovare presto proprio perché l’Alto Adige è davvero un posto splendido anche da visitare”.
Sportivamente parlando c’è tanta voglia di fare della prossima stagione una annata nella quale ripartire.
“Credo che dovremo trovare un grande equilibrio fra il non essere vittime del passato, che poi solamente nell’ultima stagione non è stato felice, e la voglia di ripartire dagli errori commessi. Belle o brutte, le esperienze nella vita servono tutte, ma l’importante è non finire schiacciati sotto di esse. Noi dobbiamo costruire con energia positiva e valutare cosa lo scorso anno non ha funzionato e da lì ripartire, facendo vedere che il Neruda è vivo e pieno di entusiasmo”.  
Allestendo una squadra da zero servirà, ovviamente, un po’ di tempo per costruire le proprie certezze e sicurezze.
“Questo assolutamente sì, servirà un po’ di tempo e sarà molto importante che tutti e tutte noi impariamo a conoscerci subito. Nell’allestimento della squadra cercheremo caratteri e personalità affini alla nostra idea di pallavolo, quando poi inizieremo a lavorare in palestra la prima cosa da fare sarà costruire un gruppo che sia molto motivato e figlio del lavoro”.
Sul campo quale obiettivo vorrà e potrà porsi il nuovo Neruda Volley Bolzano?
“L’errore più grande che possiamo fare in questo momento è darci degli obiettivi. Noi dobbiamo solo pensare ad iniziare questo nuovo cammino con grande umiltà e con tanta voglia di fare, perché siamo gli ultimi arrivati a livello cronologico in serie A1 e stiamo costruendo tutto solamente ora. Non dobbiamo porci obiettivi o limiti, ma pensare solamente a fare tutti il nostro massimo”.
Che campionato italiano ritrova dopo alcuni anni all’estero?
“La serie A1 è sempre uno dei tornei più importanti del mondo, qualche anno fa aveva avuto una flessione a causa di una fuga di talenti ma ormai da tre, quattro, anni è tornato ai massimi livelli del mondo. Qui adesso giocano grandi giocatrici e come livello medio è superiore a tutti gli altri tornei, perché in paesi come Russia o Turchia ci sono i picchi verso l’alto rappresentati da alcune squadre molto, molto forti e che investono molto. Mentre in Italia grazie al lavoro delle società ed alla qualità degli allenatori si è creato un livello medio del campionato molto alta, le nostre squadre sanno giocare bene a pallavolo”. 
Share Now

Related Post